Vai a sottomenu e altri contenuti

Dichiarazioni sostitutive e acquisizione d'ufficio dei dati

Data di aggiornamento della pagina: 15/07/2020

Riferimento normativo: D. Lgs. 33/2013 - Art. 35, c. 3.

Misure organizzative per l'acquisizione d'ufficio dei dati e per il controllo delle dichiarazioni sostitutive (art. 72 D.P.R. 28/12/2000 n. 445 così come modificato dall'art. 15 legge 12/11/2011 n. 183)

L'art.15 della legge 12/11/2011 n.183 ha stabilito che a partire dal 1 gennaio 2012 nei rapporti con le pubbliche amministrazioni e con i gestori di pubblici servizi le certificazioni concernenti stati, fatti o qualità personali sono sempre sostituite dalle dichiarazioni sostitutive di certificazione o dell'atto di notorietà. Si rende pertanto necessario da un lato attrezzarsi per un'adeguata attività di controllo della veridicità delle dichiarazioni sostitutive, dall'altro definire modalità tecniche ed organizzative adeguate a fare fronte in modo tempestivo alle richieste di acquisizione d'ufficio delle informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni, o gestori di pubblici servizi, privilegiando ove possibile l'accesso diretto per via telematica.

Controlli sulle dichiarazioni sostitutive

Gli uffici comunali devono porre particolare attenzione all'effettuazione dei controlli previsti dall'art.71 del D.P.R. 445/2000 in tutti i casi in cui sussistano fondati dubbi sulla veridicità di quanto dichiarato e in ogni caso per un campione significativo delle dichiarazioni sostitutive ricevute. I controlli sono effettuati chiedendo all'amministrazione certificante conferma scritta della corrispondenza di quanto dichiarato con le risultanze dei registri da questa custoditi, oppure, ove opportuno, chiedendo la consultazione diretta degli archivi dell'amministrazione certificante con le modalità previste dall'art.43 D.P.R. 445/2000.

Nel caso in cui le dichiarazioni presentino delle irregolarità o delle omissioni rilevabili d'ufficio, il funzionario informa l'interessato di tali irregolarità, chiedendo allo stesso di regolarizzare/completare la dichiarazione; in mancanza il procedimento non ha seguito. Nel caso in cui dai controlli effettuati si riscontrino accertate dichiarazioni mendaci il funzionario di riferimento provvede tempestivamente a segnalare i fatti alla competente Procura della Repubblica, mediante dettagliata notizia di reato.

Richieste dati da altre pubbliche amministrazioni o da gestori di pubblici servizi

Le amministrazioni pubbliche e i gestori di pubblici servizi possono effettuare i controlli di competenza sulle dichiarazioni sostitutive acquisite presentando una richiesta contenente gli elementi indispensabili per il reperimento delle informazioni e dei dati richiesti.

Ciascun servizio del Comune è potenzialmente detentore di informazioni che possono essere oggetto di autocertificazione o dichiarazione sostituiva da parte del cittadino. I recapiti dei servizi del Comune di Grottaferrata ai quali rivolgersi a seconda del dato o dell'informazione sono reperibili sul sito istituzionale dell'ente.

Nei casi in cui gli accertamenti sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive di cui agli articoli 46 e 47 DPR 445/2000 assumano una consistenza significativa le amministrazioni procedenti possono richiedere al Comune di Grottaferrata, ove possibile tecnicamente, la consultazione diretta degli archivi dell'Amministrazione, ai sensi dell'art. 43 DPR 445/2000.

Relativamente all'accesso diretto alla Banca dati anagrafica del Comune, l'istanza dovrà essere adeguatamente motivata in relazione alla finalità pubblica da espletare ed ai trattamenti dei dati da eseguire.

L'indirizzo al quale rivolgere l'istanza è: anagrafe@pec.comune.grottaferrata.rm.it

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto